Grecia Continentale in 10 giorni!

 

L’itinerario che vi voglio proporre è quello che ho intrapreso nel mio ultimo viaggio all’estero.
L’idea alla base è quella di una vacanza “on the road” alla scoperta della Grecia Continentale ma soprattutto alla scoperta del Nord della Grecia, spesso dimenticato dai turisti italiani, ma ben frequentato dai turisti greci, libanesi, russi e israeliani, soprattutto durante la stagione sciistica. Sì! In Grecia si scia! 🙂
Ricca di bellezze naturalistiche oltre che storiche, la Grecia , ospita una serie di siti riconosciuti dall’ Unesco, veramente unici nel loro genere.
Personalmente mi sono avvicinata alla Grecia come meta turistica non tanto per la sua storia antica quanto per le vicissitudini intercorse dalla caduta dell’impero Ottomano. Per capire ed apprezzare regioni come l’Epiro e la Macedonia e anche la Tracia ( che io ahimè non ho avuto tempo di visitare) bisogna ripercorrere alcuni passaggi fondamentali che cercherò di inserire nei prossimi articoli.

L’itinerario così come è stato.
Corfù aeroporto, Ioannina, Konitsa, Katoria, Edessa, Salonicco, Lithoro, Kalambaka, Arta, Nafpaktos, Delphi e Atene

Col senno di poi
Nel noleggiare la macchina bisogna fare attenzione a prenderla in un aeroporto e a riconsegnarlo in un altro poichè c’è una quota in più da pagare abbastanza salata ( si fa per dire -.-) circa 250 euro. Insomma occhio al budget e al plafond!
Per organizzare questo viaggio ho utilizzato la Lonely Planet “Grecia Continentale”. Ora io sono una fan sfegatata della Lonely Planet ma devo dire che mi sono trovata a non essere d’accordo nella descrizione di alcune città. Ho trovato molto utili gli itinerari proposti all’inizio della guida e gli itinerari proposti per le grandi città, come Salonicco e Atene.

AUTOSTRADA : poco frequentate rispetto ai canoni italiani ma nuove nuove….appena finite direi. Il pagamento avviene lungo le tratte e la quota dipende dal veicolo che si guida la moto paga di meno il camion paga di più e le auto pagano una quota intermedia.
Noi abbiamo utilizzato l’autostrada nella seconda parte della vacanza in direzione di Atene (molto comoda e bellissimi panorami soprattutto nella regione dell Sterea Ellada).

STRADE DI MONTAGNA In Epiro e in Macedonia puo’ capitare di andarsi a mettere nei guai automobilisticamente parlando. Le strade di montagna sono molto suggestive e ricche di incontri con animali allo stato semi brado, tuttavia sono soggette alle intemperie e bisogna essere consapevoli nel pianificare litinerario che non si può andare veloci, perchè è un attimo che ti ritrovi davanti dei buchi enormi in mezzo alla strada oppure ti ritrovi davanti un pezzo di strada sterrata perché è franato un costone.
Non voglio allarmare nessuno ma la prudenza è consigliata. Noi ce la siamo cavata benissimo ma abbiamo capito perchè il noleggio auto ci ha dato una Micra sgangherata!:)

 

#turismocanino 

Prenotando il viaggio in traghetto dall’ Italia non è difficile portarsi il proprio pet. Spesso i traghetti sono attrezzati con trasportini fissi quindi il cane non deve restare in auto a bollire (soprattutto se si viaggia d’estate)!!!

Una cosa da segnalare è il randagismo. La Grecia è piena di piccoli branchi di cani randagi.  Io li ho trovati molto docili e per niente pericolosi; spesso stanno vicino ai turisti  per ottenere un po’ d cibo, ma non sono molesti.

Una guida ci ha spiegato che viene loro messo un collare, per non farli prendere dalle guardie del canile e poi vengono  lasciati liberi. Sono comunque branchi abbastanza stanziali. Insomma i greci sono un popolo che convive serenamente con i pelosi randagi.

L’unica cosa che mi sono chiesta, dal punto di vista del turismo canino, è come si comportano con un cane al guinzaglio in visita.  Sarebbe da indagare! 🙂 A qualcuno è successo?

Ero senza pets  in Grecia ma credo che a seconda del carattere del cane questo potrebbe essere un elemento da valutare.

Leggi anche:

Epiro, Grecia.

Macedonia, Grecia

Tessaglia, Grecia

Grecia Centrale (Sterea Ellada), Grecia

Attica, Grecia

Il Caffè Greco